Gerace

photo_2018-11-15_18-09-22

Gerace è una cittadina in provincia di Reggio Calabria.

Nel 2015 ha ottenuto il 7° posto tra i borghi più belli di Italia.

L’origine del nome

Secondo un’interpretazione, l’origine del toponimo si fa risalire al termine greco “jerax”, che significa “sparviero”. Questa etimologia si collega a un’antica leggenda secondo la quale un rapace avrebbe guidato gli abitanti di Locri, indicando il luogo in cui rifondare la città per sfuggire all’invasione saracena.

Secondo un’ulteriore interpretazione il nome ha radici in “Jerà akis”, che si traduce come “vetta sacra”

Il territorio

Situata tra le maestose Serre e l’imponente Aspromonte, questa antica cittadina si distingue come un affascinante scrigno artistico, ricco di chiese, palazzi, pittoresche stradine, accoglienti piazzette e suggestivi archi. Di notevole rilevanza sono le bifore moresche della “Casa Catalana” nel quartiere Borgo.

Cosa vedere a Gerace

Gerace è veramente un tesoro di monumenti significativi, con la sua cattedrale che spicca tra le più importanti del meridione.

La tradizione narra della sua consacrazione nel 1045, un evento poi riaffermato con la presenza di Federico II nel 1222. La struttura, caratterizzata da una doppia fila di colonne risalenti all’epoca della Magna Grecia, divide la chiesa in tre imponenti navate, riflettendo uno stile che mescola elementi romanici e normanni.

Altrettanto rilevante è la Chiesa di San Francesco, risalente al 1252 e dominata dallo stile gotico, sebbene l’altare maggiore e l’arco trionfale presentino un affascinante tocco barocco tipico della Gerace del XVII secolo.

Il centro storico della città è un vero richiamo per i visitatori, offrendo un’esperienza indimenticabile. Per coloro che desiderano godere di un panorama mozzafiato, il Baglio, situato di fronte al Castello, regala la vista di un paesaggio di straordinaria bellezza.

Gastronomia

Il fiore all’occhiello della zona è senza dubbio il Greco di Gerace, un vino liquoroso dal robusto tenore alcolico del 17%, ottenuto da uve del vitigno greco. Questo vino, antico quanto l’ospitalità stessa, era spesso offerto dai Greci insieme al miele, simbolo di generosità e cordialità. La zona vanta anche una produzione limitata ma pregiata di olio d’oliva.

Per quanto riguarda la gastronomia locale, i rafioli rappresentano il piatto tipico, caratterizzati da un’eleganza barocca. Si tratta di dolci realizzati con pan di Spagna, ricoperti di crema, zucchero e chiara d’uovo, creando un connubio delizioso di sapori e tradizione.

Se siete alla ricerca di un luogo intriso di cultura, Gerace è la meta ideale per voi, offrendo non solo prelibatezze enogastronomiche, ma anche un patrimonio culturale straordinario.

Consigliato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *