Cirò Marina

Cirò Marina

Cirò Marina
Ph. anna_m_nanci

Cirò Marina è una città sul mare in provincia di Crotone.

È costituita da 16 km di spiaggia con fondali limpidi caratterizzati da tanti colori di flora e fauna.

Le spiagge di Cirò Marina

Le spiagge sono molto diverse, in zona Fego  vi sono dune sabbiose, sabbia finissima e dorata, mentre nelle parti di punta Alice vi è sabbia ciottolosa e ghiaia sottile.

Nella parte centrale, invece, ci sono degli scogli dove è anche possibile pescare.

Ogni tanto sulla spiaggia è possibile assistere allo spettacolo delle nascita delle tartarughe caretta caretta.

Vicino al mare vi è una pineta di circa 60 ettari in cui ci sono anche degli itinerari ad hoc e un parco giochi per bambini.

Cosa vedere a Cirò Marina

Nella località Madonna di mare si possono ammirare due file di edifici settecenteschi in pietra della forma arcuata con tanto di piazzale.

Questi venivano utilizzati per conservare le merci durante i mercati e prendono il nome di Mercati Saraceni in quanto fanno riferimento alle invasioni saracene.

Oggi sono adibiti a luoghi per le manifestazioni culturali.

Da visitare vi è anche il castello Sabatini, struttura militare risalente al ‘400.
Nelle parti di Punta Alice vi sono anche i resti del Tempio di Apollo Haleo.

Costruite in epoche differenti come centri di avvistamento e difesa vi sono Torre vecchia e torre nuova.

Tra le chiese da visitare vi è quella di San Cataldo, costruita nel primo ‘900.

Mentre più spostata verso l’entroterra vi è il santuario della Madonna di Itria.

La Madonna di Itria

Eretto, nel 1600, da un vecchio monastero basiliano dai Padri Passionisti.
Il nome “Itria” deriva dal greco “idros” che significa “acqua”.

Si narra che durante l’impero d’Oriente in seguito ad un editto emanato da Leone III, vi era l’obbligo di distruggere tutte le immagini sacre presenti.

Ma alcuni soldati, incantati dalla bellezza della Madonna non vollero distruggerla e così la deposero in una cassa di cedro e la gettarono in mare.

In seguito, una giovane ragazza, andata a prendere la legna, venne fermata da un vecchio che le disse di chiamare la mamma e il prete e di recarsi in una spiaggia chiamata “fossa del lupo” per recuperare una cassa.

Il giorno seguente si ripeté la stessa scena e la ragazza riuscita a sopravvivere ad un attacco di apoplessia andò a chiamare la madre e il prete.

Arrivati sulla spiaggia i due furono aiutati da due eremiti a portare in salvo la cassa, ma  quest’ultimi scomparvero subito dopo.

Di fronte al santuario vi è la statua di Cristo Benedicente.

I prodotti tipici

È possibile trovare negozi di souvenir o anche di tipo enogastronomico soprattutto in via Roma, Ciró produce uno dei vini più importanti della regione il Ciró Doc.

Da provare sono anche gli insaccati come il capocollo, i formaggi come il pecorino, il caciocavallo e le sardelle.

Tra cultura, religione e storia!
Visitatela!